27 principali cause di malattie del cuoio capelluto

Oggi elenchiamo le principali malattie dei nomi e dei sintomi del cuoio capelluto, per un totale di 27 possibili cause di malattie del cuoio capelluto, ma in ordine. La maggior parte delle malattie del cuoio capelluto provoca perdita di capelli di varia intensità o un certo tipo di eruzione cutanea. Molte condizioni patologiche del cuoio capelluto sono ereditarie. La malnutrizione o l'infezione possono anche causare condizioni della pelle dolorose. Il trattamento e la prognosi della malattia dipendono dalla causa del problema..

Spesso i problemi di capelli e cuoio capelluto non sono una malattia indipendente, ma solo un sintomo di una malattia, la cui fonte e causa è lontana dalla testa.

Malattie del cuoio capelluto che portano a problemi di capelli

  1. La perdita di capelli.
    • Una grande quantità di capelli viene pettinata dopo averli lavati. I fili in fasci interi rimangono nelle mani se tirati.
    • Apparente assottigliamento dei capelli.
  2. Calvizie maschile.
    • La perdita dei capelli si verifica alle tempie..
    • La testa calva si allontana gradualmente, formando una forma simile alla lettera "M".
  3. Alopecia areata.
    • La perdita dei capelli si verifica in punti che hanno bordi definiti e una varietà di forme..
    • La perdita si verifica in punti casuali e molto diversi sulla testa.
  4. Tigna (Tinea Capitis).
    • Prurito alle macchie sulla testa.
    • Toppe calve squamose e rosse.
    • Capelli fragili.
    • Dolore al cuoio capelluto.
  5. Eczema seborroico.
    • Le macchie squamose sono gialle o bianche e si staccano.
    • Le aree interessate possono essere rosse, pruriginose e oleose..
    • La perdita può verificarsi nella zona interessata con un'eruzione cutanea.
  6. La psoriasi si manifesta in varie forme..
    • Placca: macchie rosse estese dai colori vivaci sulla pelle.
    • Guttat: piccole macchie rosse su tronco, arti, viso e cuoio capelluto.
    • Inverso: appare nelle pieghe della pelle come un'eruzione cutanea rossa, lucida e liscia..
    • Pustulosi: pustole bianche circondate da pelle rossa.
    • Psoriasi eritrodermica: ricorda gravi ustioni e copre ampie aree
  7. Infestazione da pidocchi.
    • Pidocchio dei semi di sesamo.
    • Prurito alla testa.
    • Ferite alla testa da graffi e punture di insetti.
    • La sensazione che qualcosa ti striscia sulla testa.
  8. Infezione da pidocchi.
    • Questi pidocchi differiscono dalla testa o dal pube per dimensioni maggiori..
    • Un'eruzione cutanea causata da una reazione allergica ai morsi dei pidocchi può diffondersi alla testa.
    • Dossi rossi sulla pelle.
    • Pelle ispessita o scura.
  9. Morbo di Hashimoto.
    • Causato da inadeguata attività tiroidea.
    • Diradamento dei capelli, sensazione di letargia, affaticamento e voce rauca.
    • Costipazione, colesterolo alto, depressione o debolezza muscolare degli arti inferiori.
  10. Ipotiroidismo.
    • I sintomi aumentano gradualmente con lo sviluppo della malattia..
    • Capelli e unghie fragili, affaticamento o debolezza.
    • Ipersensibilità al freddo, costipazione, depressione.
  11. Morbo di Addison.
    • Eruzione cutanea.
    • Nausea, perdita di appetito.
    • Vomito ricorrente.
  12. morbo di Hodgkin.
    • Tumore linfonodale indolore.
    • Sudorazioni notturne.
    • Pelle costantemente pruriginosa.
    • Febbre inspiegabile.
    • Fatica.
    • Perdita di peso inspiegabile.
    • Tosse persistente.
  13. Lichen Planus.
    • Coni di colore viola con parte superiore piatta (il più delle volte compaiono solo su polsi, avambraccio interno o caviglie).
    • Lesioni che si sviluppano lentamente e si diffondono da due settimane a diversi mesi.
    • Prurito, vesciche e linee bianche sull'eruzione cutanea.
    • Bruciore a causa di dolore alla bocca.
  14. Insufficienza ipofisaria (ipotiroidismo).
    • La ghiandola pituitaria secerne otto diversi ormoni.
    • I sintomi dipendono da quale ormone è sintetizzato in modo insufficiente..
    • Solo dopo che il medico avrà completato tutti gli esami del sangue necessari, sarà possibile scoprire quale particolare ormone è carente..
  15. Malnutrizione.
    • Perdita di capelli, pallore, affaticamento o debolezza.
    • Mancanza di respiro, abitudini alimentari inusuali o vertigini.
    • Costipazione, sonnolenza o palpitazioni.
  16. Ipertiroidismo.
    • Frequenza cardiaca rapida, perdita di peso e intolleranza al calore.
    • Perdita di capelli, prurito, disturbi del sonno o battito cardiaco irregolare.
    • Nausea e vomito.
  17. Fratture craniche.
    • Sanguinamento da una ferita o occhi, orecchie e naso.
    • Dolore, gonfiore, arrossamento o calore nel sito della lesione.
    • Mal di testa, nausea o vomito.
  18. leishmaniosi.
    • Trasmesso attraverso il morso di un gerbillo infetto. Le mosche di sabbia infette si trovano in genere nei climi tropicali e subtropicali..
    • Leishmaniosi cutanea: ulcere cutanee indolori, respiro corto o naso che cola, sangue dal naso o respiro corto.
    • Leishmaniosi viscerale: perdita di peso, debolezza, ingrossamento della milza o del fegato.
  19. Lupus eritematoso sistemico.
    • Eruzione simmetrica a forma di farfalla sulle guance e sul naso.
    • Massaggiare la caduta dei capelli.
    • Articolazioni dolorose o gonfie.
  20. Sclerosi sistemica (sclerodermia).
    • Nelle prime fasi c'è un ispessimento della pelle.
    • Zone strette e lucenti intorno alla bocca, al naso e alle dita.
    • Con il progredire della condizione, in queste aree si sviluppa un movimento limitato..
  21. Sifilide.
    • Un piccolo brufolo o ulcera indolore che appare dove i batteri entrano nel corpo.
    • Un'eruzione cutanea che non prude sui palmi delle mani e sulla pianta dei piedi.
  22. Arterite legata all'età.
    • Si verifica in persone con più di 60 anni.
    • Ci sono una varietà di disturbi visivi, improvvisa perdita permanente della vista in un occhio o una palpebra cadente.
    • Febbre, perdita di peso o dolore al viso.
  23. Sindrome di Ito (Incontinentia Pigementi Achromians).
    • Perdita di pigmentazione su varie parti del corpo.
    • Lievi lesioni, bianche o incolori.
    • Linee di Blashko (lunghe trame a spirale attorno a braccia e gambe).
  24. Bamboo Hair (Tricorrhexis Nodosa).
    • Capelli facilmente rotti.
    • Ciglia o sopracciglia che si assottigliano notevolmente.
    • Crescita dei capelli rara o un modello di perdita di capelli enorme.
    • Capelli corti a causa della rottura costante.
  25. Celiachia (enteropatia sensibile al glutine).
    • Bambini e adulti hanno sintomi diversi..
    • Nei bambini: perdita di peso, vomito, gonfiore o dolore, diarrea persistente.
    • Negli adulti: dolore alle ossa e alle articolazioni, affaticamento, intorpidimento e formicolio a braccia e gambe, ferite e ulcere della bocca.
  26. kwashiorkor.
    • Una forma di malnutrizione causata da proteine ​​insufficienti nella dieta.
    • Variazione del colore della pelle e dei capelli (tinta rosso-arancio).
    • Affaticamento, diarrea, perdita di massa muscolare o edema.
  27. Allergia.
    • Eruzione cutanea rosso scuro sul corpo, incluso sulla testa.
    • Rossore e prurito.
    • Occhi secchi e irritati.

Cos'è la forfora?

Dovremmo anche parlare di forfora, che infastidisce molte persone, sia uomini che donne, anche se questa non è una malattia del cuoio capelluto e dei capelli. Ma la forfora può essere fastidiosa quando i fiocchi bianchi e chiaramente visibili cadono sui vestiti scuri. Ma la forfora è semplicemente l'accumulo di pelle morta esfoliata. Le cause della forfora possono essere variate, non sono ancora completamente comprese, ma ciò può essere dovuto a funghi sulla pelle..

Non puoi ottenere la forfora da qualcun altro, e non è pericoloso, ma può causare prurito e ansia. La forfora non provoca arrossamenti o pruriti così gravi da lasciare graffi sul cuoio capelluto che potrebbero infettarsi e infiammarsi..

Non esiste una cura per la forfora, ma il peeling della pelle è abbastanza facile da controllare ed eliminare. È meglio lavare i riccioli con l'aiuto di shampoo medico. Devi solo lasciarlo in testa per 5 minuti, quindi risciacquare. Puoi anche tenere uno dei seguenti farmaci in testa per 5 minuti prima di risciacquare:

  • Catrame di carbone.
  • Zinco piritione.
  • Acido salicilico.
  • Solfuro di selenio.
  • Il ketoconazolo (Nizoral AD) è disponibile come shampoo da banco all'1% o farmaco da prescrizione al 2%.

Potrebbe essere necessario applicare due o tre prodotti per rimuovere completamente la forfora dalla testa. Se dopo diverse settimane di utilizzo dello shampoo non scompare, consultare un medico. La forfora può essere una manifestazione dello stadio iniziale della seborrea della testa e questa condizione richiede un trattamento serio. Che cos'è la dermatite seborroica, puoi facilmente immaginare se ricordi le croste sulla testa dei bambini. Queste croste sono anche seborrea, solo neonati.

Tigna

Questa è una delle poche malattie infettive che colpiscono il cuoio capelluto. L'agente causale è un fungo microscopico. Le manifestazioni sono codificate nel nome stesso della malattia del cuoio capelluto - le aree con i capelli caduti appaiono su di esso, come se fossero tagliate. La pelle in questi luoghi è arrossata e infiammata. Le persone di tutte le età sono stupite, ma il più delle volte bambini di 3-7 anni. Ciò è in parte dovuto al fatto che la tigna può essere infettata da cani e gatti..


Per uccidere il fungo, i semplici trattamenti per la testa non saranno sufficienti. Devi prendere le medicine prescritte dal dermatologo all'interno. L'infezione si verifica solo attraverso uno stretto contatto. I bambini trattati per la tigna sono autorizzati a frequentare la scuola e non è necessario avere un taglio di capelli. È importante non utilizzare articoli per l'igiene personale utilizzati da una persona infetta. Prima di tutto, pettini e asciugamani, biancheria da letto..

Breve riassunto

La maggior parte delle malattie dei capelli sono curabili. L'eccezione è solo casi molto rari quando i follicoli piliferi sono esposti a effetti distruttivi irreversibili. Inoltre, la maggior parte dei problemi sono personali e non contagiosi, solo rare malattie fungine, i pidocchi e alcuni altri problemi sono contagiosi. Pertanto, più velocemente ti rivolgi a un tricologo, più veloce e più facile puoi scoprire la causa e sbarazzarti del tuo problema.

Quali sono le malattie dei capelli e del cuoio capelluto

La presenza o l'assenza di peli sulla testa, la loro condizione è una parte piuttosto significativa dell'aspetto di una persona, determinando la sua attrattiva. Inoltre, una buona condizione dei capelli è uno dei segni di un corpo sano nel suo insieme. Spesso, la caduta precoce dei capelli (che è più comune per gli uomini) porta alla formazione di complessi, disturbi emotivi che peggiorano la qualità della vita di una persona. È per questi motivi che recentemente è stata prestata così tanta attenzione a questo problema..

Cause della malattia dei capelli

I capelli e il cuoio capelluto possono soffrire di molti fattori diversi, tra cui:

  • malnutrizione (diete rigide, mancanza di proteine, acidi grassi, vitamine e minerali);
  • intossicazione acuta e cronica (inclusi effetti collaterali di alcuni farmaci, cattive abitudini);
  • radiazioni ionizzanti, eccessiva insolazione;
  • fattori ambientali;
  • gravidanza;
  • fattori di età;
  • eredità;
  • malattie del tratto gastrointestinale, endocrino, sistema immunitario, malattie infettive di lunga durata;
  • fatica
  • cura impropria del cuoio capelluto;
  • danno a quest'area da specifici funghi, parassiti, ecc..

I principali sintomi di malattie dei capelli e del cuoio capelluto

Sintomi come perdita di capelli o diradamento, secchezza e fragilità o, al contrario, eccesso di grasso, aspetto opaco, assottigliamento, scissione delle punte, lieve prurito del cuoio capelluto, comparsa di forfora e capelli grigi precoci, possono parlare della disfunzione iniziale. Questi segni sono già un'occasione per contattare uno specialista.

È importante scoprire le cause alla base dei cambiamenti dei capelli, che possono essere molto più gravi di quanto sembrino a prima vista. Ma, sfortunatamente, non prestano attenzione a loro per molto tempo, o hanno ingiustificatamente alte speranze per shampoo pubblicizzati e altri profumi e cosmetici, così come "metodi popolari".

Sintomi più evidenti - la presenza di focolai privi di peli, prurito molto grave, formazione di croste, piaghe sul cuoio capelluto, rilevamento di insetti parassiti (pidocchi) - sono di solito raramente trascurati. Tuttavia, la percentuale di persone impegnate in automedicazione in questo caso è piuttosto elevata. Di solito questo porta a un'ulteriore progressione della malattia, alla comparsa di casi avanzati.

La perdita di capelli

Uno dei motivi comuni per contattare un tricologo è la perdita di capelli patologica o l'alopecia. Nonostante i segni evidenti - perdita di capelli totale o limitata - a volte è difficile scoprire la vera natura di questo fenomeno. Le forme cicatriziali e non cicatriziali di alopecia sono divise. Nel primo caso, la caduta dei capelli è preceduta da cambiamenti infiammatori, atrofici e cicatriziali nella pelle, che portano alla distruzione dei follicoli piliferi. Le forme non cicatriziali sono causate da una violazione della crescita ciclica dei capelli. Ciò può verificarsi, ad esempio, a causa di gravi malattie generali, stress e può anche essere dovuto a processi autoimmuni, cambiamenti ormonali e altre cause..

La perdita dei capelli può avere una forma focale. In questo caso, ci sono fuochi limitati privi di capelli. Con una forma diffusa della malattia, si nota un assottigliamento generale dei capelli. L'alopecia universale è anche possibile, quando non solo cadono i capelli sulla testa, ma anche su tutto il corpo (ciglia, sopracciglia, capelli soffici). Questa è una forma estremamente sfavorevole della malattia, soprattutto se si sviluppa prima della pubertà. In quest'ultimo caso, la probabilità di ripristino dell'attaccatura è dubbia. Altri casi sono prognosticamente più favorevoli: spesso i vecchi focolai di alopecia sono coperti di peli nel tempo, ma compaiono nuove aree di caduta dei capelli. La malattia può manifestarsi con periodi di remissione ed esacerbazioni, in rari casi è possibile anche l'autoguarigione spontanea..

Un caso separato è la calvizie androgena (androgenetica), che può essere dovuta a un eccesso di androgeni nel corpo, una predisposizione ereditaria. Con questa forma di alopecia, la caduta dei capelli è simmetrica, la calvizie, di regola, si sviluppa lentamente e gradualmente, si sviluppa molto più spesso negli uomini, anche se si verifica anche nelle donne (sono spesso presenti altri sintomi di disturbi endocrini).

Per un trattamento efficace, è molto importante scoprire la vera causa della caduta dei capelli..

Diagnostica

La tricologia è una scienza giovane, ma ha metodi diagnostici abbastanza elaborati nel suo arsenale. Prima di tutto, vengono eseguiti un esame visivo dell'attaccatura dei capelli e un interrogatorio dettagliato del paziente per reclami, malattie concomitanti, abitudini alimentari, presenza di situazioni stressanti, nonché una possibile predisposizione ereditaria.

Quindi, di regola, il cosiddetto microscopia computerizzata (tricogramma) con l'immagine visualizzata sul monitor. Nel processo di questo studio, vengono rilevati cambiamenti visibili e lo spessore del capello, la sua densità viene misurata, le loro radici vengono studiate, le foto vengono scattate (al fine di monitorare l'efficacia del trattamento in dinamica).

Dai metodi di laboratorio, all'analisi spettrale dei capelli, viene utilizzato il suo studio biochimico (aiutano a determinare la carenza di elementi necessari, la presenza di sostanze tossiche). Inoltre, viene quasi sempre prescritto un esame del sangue clinico biochimico e generale e viene studiato anche il livello di ormoni tiroidei, ormoni sessuali, omoni della ghiandola surrenale..

Per chiarire la diagnosi, nonché per eliminare pericolose malattie sistemiche, il paziente può essere indirizzato a un consulto con un gastroenterologo, endocrinologo, ematologo, immunologo.

Trattamento

Quando si rilevano malattie endocrine, disturbi immunitari, malattie del tratto gastrointestinale, ecc. il trattamento inizia con la malattia di base e solo allora inizia il trattamento dei capelli.

Quest'ultimo può essere il seguente:

  • cambiamenti nella dieta: arricchimento della dieta con microelementi (zinco, magnesio, zolfo, ferro), proteine, acidi grassi preziosi, vitamine del gruppo B, ecc.;
  • agenti fortificanti, farmaci adattogeni (specialmente durante la convalescenza dopo malattie infettive a lungo termine e altre malattie, carichi di stress);
  • trattamento locale con farmaci speciali secondo la diagnosi (agenti antiparassitari, antifungini, rigeneranti, farmaci che stimolano la circolazione sanguigna nel cuoio capelluto e nella crescita dei capelli, ecc.);
  • selezione individuale di prodotti per la cura dei capelli;
  • metodi fisioterapici e altri non farmacologici (massaggio del cuoio capelluto, agopuntura, darsonvalutazione, irudoterapia, ecc.).

I metodi chirurgici sono usati come un'eccezione, come il trapianto di capelli da aree sane a capelli colpiti, irrimediabilmente persi.

Prevenzione

Le misure preventive per le malattie dei capelli e del cuoio capelluto sono le seguenti:

  • conformità alle norme igieniche - l'uso di articoli esclusivamente per l'igiene personale (in particolare pettini,
  • asciugamani), evitando il contatto ravvicinato con i malati, un'attenta cura e controllo dell'attaccatura dei capelli;
  • Nutrizione corretta;
  • rifiuto di cattive abitudini;
  • gestione dello stress;
  • passaggio tempestivo di esami preventivi per escludere disturbi endocrini, autoimmuni e altri, contattando uno specialista se vengono rilevati i primi sintomi.

Malattia dei capelli

* Fattore di impatto per il 2018 secondo RSCI

La rivista è inclusa nell'elenco delle pubblicazioni scientifiche peer-reviewed della Commissione per le attestazioni superiori.

Leggi nel nuovo numero

Central Research Institute of Skin and Venereology, Mosca


In media, circa 100.000 follicoli piliferi sul cuoio capelluto. Per tutta la vita, da ogni follicolo possono crescere da 20 a 30 peli. Di norma, il 70% dei capelli del cuoio capelluto è in fase di crescita e il 10% in fase di riposo. Con l'età, una persona ha solo una leggera diminuzione della densità dei follicoli piliferi, tuttavia, c'è una tendenza a una diminuzione dell'attività di crescita dei capelli e i capelli stessi diventano più corti. Di solito, la crescita dei capelli avviene ciclicamente: dopo la fase di crescita - anagen (può durare da 3 a 7 anni, tasso di crescita dei capelli - fino a 1 cm al mese) c'è una breve fase di transizione - catagen, e quindi la fase di riposo - telogen, quando i capelli smettono di crescere e cadono. Alla fine della fase telogen, durante la quale i capelli possono cadere spontaneamente o con un leggero sforzo (la durata della fase è in media 3 mesi), i nuovi capelli iniziano a crescere nel follicolo. Il pelo della barba e del cuoio capelluto presenta una breve fase di telogen. In ciglia, sopracciglia, peli ascellari e pubici, telogen è più lungo.

Esistono 3 principali tipi morfologici di capelli umani: la lanugine originale (lanugo), i capelli soffici (vellus) che crescono da piccoli follicoli piliferi situati nello strato superiore del derma e i capelli rigidi (lunghi) che crescono sul cuoio capelluto, sulle sopracciglia e sulle ciglia.

I capelli sono una specie di appendici cutanee e sono composti da due parti: un follicolo pilifero e un fusto del capello. Il follicolo pilifero si trova in profondità nel grasso del cuoio capelluto. I suoi tre strati interni diventano quindi i capelli stessi: lo strato cerebrale, lo strato corticale e la membrana. La base dei capelli è la proteina cheratina, che rappresenta l'85 - 70% della massa totale dei capelli. La maggior parte dei capelli (sostanza corticale) è costituita da cellule cheratinizzate oblunghe racchiuse in una guaina (cuticola); la parte grossolana dei capelli può avere un centro intermittente o continuo - lo strato cerebrale. Le proprietà meccaniche dei capelli sono determinate dal suo strato corticale. La guaina dei capelli è il suo strato protettivo. I bordi liberi delle cellule superficiali sono rivolti verso l'estremità del capello e con un microscopio puoi vedere i fiocchi situati come tegole. Questi sottili fiocchi sono composti da cheratina densa. L'integrità del guscio è violata da perm, tintura, esposizione alla luce solare.

Anomalie del fusto del capello

Le anomalie del fusto del capello sono divise in quelle associate ad una maggiore fragilità e non correlate ad essa.

Anomalie del fusto del capello associate ad una maggiore fragilità

Moniletrix: la presenza sul fusto del capello di noduli sotto forma di perline, separate da spazi interstiziali in cui non vi è alcun midollo. La natura ereditaria di moniletrix è stata riconosciuta poco dopo la descrizione di questa condizione (è stata dimostrata l'eredità autosomica dominante). Il quadro clinico è rappresentato dalle papule del follicolo corno al posto dei capelli normali, da cui sporgono i capelli corti a forma di fuso. Per il trattamento, fitina, retinolo, tocoferolo acetato, acido pantotenico, vitamina F, preparazioni di ferro, gelatina alimentare sono prescritti all'interno.

La fragilità dei capelli si osserva con i capelli attorcigliati: i capelli sono appiattiti e attraverso intervalli irregolari ruotano completamente attorno al suo asse di 180 °. Clinicamente, i capelli corti e rotti si trovano principalmente nelle aree occipitale e temporale, il che porta alla calvizie focale. Per il trattamento sono prescritti retinolo, pantotenato di calcio, vitamina F e ferro. È necessaria un'adeguata cura dei capelli: evitare un trauma eccessivo, meccanico, termico, chimico; lavare non più di 1 volta in 7 giorni, nell'acqua per lavarsi è possibile aggiungere decotti di ortica, equiseto, fiori di camomilla. Si consiglia di lubrificare periodicamente i capelli e la pelle del cuoio capelluto con bardana o altro olio vegetale..

La tricoclasia nodulare è caratterizzata dalla formazione di nodi che rendono i capelli fragili in queste aree. Questa condizione può essere considerata come una reazione del fusto del capello a danno. I capelli si rompono così facilmente che sono visibili solo frammenti su una parte più grande o più piccola della testa e l'alopecia può essere grave. Il trattamento si riduce a ridurre il trauma dei capelli.

Anomalie del fusto del capello, non associate ad una maggiore fragilità

In caso di sindrome dei capelli non pettinabili, la forma della sezione trasversale del fusto del pelo ricorda un triangolo o un manubrio. C'è anche una scanalatura longitudinale sul fusto del capello. I capelli sono generalmente di colore argento o paglierino, sporgono casualmente e difficilmente si adattano ai capelli.

I capelli simili alla lana si trovano nei rappresentanti bianchi della razza caucasica e ricordano i capelli neri. Sono ribelli, attorcigliati in anelli, è difficile pettinarli.

Con triconodosi, una singola e talvolta doppia, forma di nodulo sul fusto del capello. Durante la pettinatura, i noduli sono talvolta serrati o nel sito del nodulo si forma un attorcigliamento del fusto del capello.

Come indicato, i capelli umani cadono per tutta la vita e ricrescono, secondo il normale ciclo di crescita dei capelli. Una persona perde da 50 a 150 peli al giorno. Molte malattie che portano alla caduta dei capelli causano calvizie a causa di disturbi del normale ciclo del follicolo pilifero.

L'alopecia cicatriziale si verifica durante la distruzione secondaria dei follicoli piliferi a causa di vari motivi (infiammazione, atrofia o cicatrici della pelle).

L'alopecia non cicatriziale si verifica senza precedenti lesioni cutanee.

Si distinguono le seguenti varianti di alopecia non cicatriziale:

Con la calvizie focale sul cuoio capelluto compaiono foche rotonde o ovali di calvizie. Nei primi giorni della malattia, si può vedere un leggero arrossamento nelle aree della calvizie, che è accompagnato da bruciore, prurito e iperestesia della pelle. I capelli lunghi cadono e il buco follicolare è vuoto. Lungo la periferia dei fuochi, i capelli sono instabili e, se tirati debolmente, cadono in piccoli ciuffi (l'area dei capelli allentati). L'espansione dei focolai di calvizie alla periferia porta alla loro fusione in una vasta area di calvizie.

L'alopecia subtotale è caratterizzata da una lenta progressione della malattia, in cui cadono tutti i capelli spessi sul cuoio capelluto; solo i capelli soffici e corti sono conservati nel collo e nelle tempie. Spesso c'è una rarefazione della zona esterna delle sopracciglia e una parziale perdita delle ciglia. Si dice che la calvizie totale sia in caso di completa perdita di capelli sul cuoio capelluto e sul viso, universale - per perdita di capelli in tutto il corpo, che può essere accompagnata da un cambiamento delle unghie sotto forma di diradamento, maggiore fragilità, presenza di strisce longitudinali e recessi sulla superficie sotto forma di ditale.

Le cause di queste lesioni sono spesso sconosciute, possiamo solo assumere il meccanismo autoimmune di danno ai follicoli piliferi. Si ritiene che i capelli cadano a causa dell '"attacco" dei linfociti sul follicolo pilifero in crescita, a causa del quale il processo di cheratinizzazione viene interrotto e la fase telogen viene stimolata. Spesso, l'alopecia areata è associata a focolai di infezione cronica; Inoltre, ci sono prove di una diminuzione del contenuto di zinco e rame nei capelli. Studi recenti hanno anche dimostrato in pazienti con disturbi focali di alopecia delle proprietà reologiche del sangue (aumento dell'aggregazione dei globuli rossi contro un aumento della viscosità del sangue intero e del siero, una diminuzione della deformabilità dei globuli rossi), che suggerisce una sindrome di maggiore viscosità. Nel 30% dei casi si osservano fattori genetici di una predisposizione familiare all'alopecia.

È necessario escludere la sifilide secondaria esaminando la pelle (piccola alopecia, barba e cuoio capelluto come se mangiata dalla falena) e le reazioni mucose e sierologiche alla sifilide; dermatofitosi del cuoio capelluto (mediante microscopia dell'agente patogeno), lupus eritematoso discoide, alopecia traumatica e tricotillomania (trauma permanente, anche se a volte inconscio, all'attaccatura dei capelli dei pazienti stessi in uno stato di stress o disturbo mentale).

Si consiglia di iniziare il trattamento dopo un esame approfondito del paziente, una riorganizzazione dei focolai di infezione focale e la nomina di una dieta a base di latte e verdure ricca di vitamine. Con i cambiamenti immunologici, viene prescritta una terapia immunocorrettiva. È importante eliminare lo stress psicoemotivo: i sedativi e i farmaci vegetotropici sono prescritti secondo le indicazioni. In alcuni pazienti si osserva un effetto favorevole di piccole dosi di corticosteroidi all'interno. All'interno sono anche prescritti agenti rinforzanti generali, stimolanti biogenici: fitina, estratto di aloe, corpo vitreo; ossido di zinco, preparati di rame, ferro, vitamine (A, C, PP), fitina, angioprotettori, agenti antipiastrinici (ticlopidina 250 mg 2 volte al giorno, corso 20 giorni). È stata acquisita una vasta esperienza nel trattamento dell'alopecia con fotochemioterapia. Vengono utilizzate la darsonvalutazione di nodi cervicali-simpatici o focolai di calvizie, agopuntura, puntura laser.

La terapia locale è importante per l'alopecia: soluzioni alcoliche di vari agenti, unguenti corticosteroidi, agenti irritanti localmente (linimento pepe-canfora, capsitrina, pappa gruel, ecc.), Pomate contenenti aminoacidi (crema di gelatina), propoli (soluzione alcolica al 3% o unguento al 10%), linimento al 2 - 5% con composti organosiliconici.

L'alopecia androgenetica è causata dall'azione degli androgeni sui follicoli piliferi in presenza di caratteristiche ereditarie di quest'ultimo. Negli uomini, la calvizie attraversa diverse fasi: prima si tratta di macchie calve bilaterali sopra la fronte, quindi appare una macchia calva, che si espande gradualmente dalla fronte alla corona e, di conseguenza, c'è solo una sottile striscia di capelli sulle tempie e sulla nuca. Nelle donne, la calvizie è più lenta, di solito ridotta a capelli radi, più evidente sulla corona della testa. Le malattie concomitanti possono essere seborrea oleosa, dermatite seborroica, nelle donne - segni di eccessiva secrezione di androgeni - acne vulgaris, irregolarità mestruali, irsutismo. Nella diagnosi differenziale, è necessario prendere in considerazione, oltre ai disturbi associati, carenza di ferro, ipotiroidismo, tireotossicosi.

Le persone con una predisposizione ereditaria all'alopecia androgenetica dovrebbero evitare di indossare cappelli attillati, esposizione prolungata al sole; viene mostrata una dieta con una limitazione di carboidrati, grassi e con un alto contenuto di proteine ​​(carne, pesce, ricotta, legumi, ecc.). Nel trattamento complesso, all'interno è indicato l'uso di vitamine dei gruppi B, PP, D, A. Il trattamento generale inizia con la nomina di una dieta a base di latte e verdure, l'assunzione sufficiente di vitamine; è consigliabile il risanamento dei focolai di infezione focale.

Dopo aver consultato un ginecologo-endocrinologo, alle donne con alopecia androgenetica viene mostrato l'uso di farmaci ormonali (estradiolo benzoato, progesterone, estradiolo propionato), antiandrogeni e farmaci che sopprimono l'ovulazione. Risultati incoraggianti sono stati ottenuti dall'uso di un contraccettivo antiandrogeno combinato (etinilestradiolo + ciproterone acetato). Il farmaco viene prescritto a decorrere dal 5 ° giorno del ciclo mestruale e viene assunto per 21 giorni (da 6 a 9 portate). Controindicazioni: gravi reni, fegato, gravidanza, allattamento, processi tromboembolici e neoplastici.

Negli uomini, il metandrostenolo steroide anabolizzante viene applicato localmente sotto forma di emulsione allo 0,25 o 0,5% o sotto forma di una soluzione acquosa alcolica allo 0,1% (lozione). Un'emulsione o una lozione viene strofinata nelle aree frontale e parietale della testa, dopo 20-25 minuti il ​​cuoio capelluto viene macchiato con un tovagliolo di carta per rimuovere la droga in eccesso. Le procedure vengono eseguite a giorni alterni (corso 20 - 25 procedure). Il trattamento ormonale deve essere effettuato sotto stretto controllo medico; è controindicato nell'adenoma e nel carcinoma della prostata.

L'applicazione topica di una soluzione al 2% di minoxidil rallenta la caduta dei capelli e talvolta riprende in parte la loro crescita. Viene proposta una combinazione di alte concentrazioni di minoxidil con isotretinoina per uso esterno..

Il trapianto nei centri di calvizie delle isole della propria pelle con follicoli piliferi aiuta a appianare un difetto estetico..

Alopecia telogen (diffusa)

Assottigliamento uniforme dei capelli su tutto il cuoio capelluto; più comune nelle donne durante la gravidanza, dopo l'abolizione dei contraccettivi orali, a seguito di diete rigorose. Può durare fino a un anno, nel tempo, la caduta dei capelli si interrompe e i capelli crescono completamente. Non è richiesto un trattamento speciale, tuttavia, può essere raccomandata la terapia vitaminica con oligoelementi..

Alopecia anagen (tossica)

Alcuni citostatici, agenti per la depilazione (tallio, epilina), anticoagulanti (eparina, cumarina), psicofarmaci, sovradosaggio di vitamina A (retinoidi), corticosteroidi a lungo termine, ecc. Causano il trattamento della caduta dei capelli. Il trattamento deve essere prescritto dopo aver determinato la causa della malattia..

Perdita di capelli irreversibile a causa della morte dei follicoli piliferi a causa di infiammazione o altri processi patologici completati da cicatrici. All'interno dei fuochi della calvizie e vicino a loro puoi trovare segni della malattia che ha causato l'alopecia.

La pseudo-pelad di Brock più comune. La malattia a volte rappresenta lo stadio finale del lichen planus, del lupus eritematoso discoide e di altri disturbi, ma può anche esistere come processo primario di eziologia poco chiara. Le cicatrici non sono accompagnate da infiammazione, la pelle nei fuochi è liscia, atrofizzata, i capelli conservati possono crescere diversi da un follicolo.

Il trattamento dell'alopecia cicatriziale è un compito difficile, per il quale è possibile utilizzare immunomodulatori, preparati di acido retinoico.

Con l'ascesso che indebolisce la follicolite di Hoffmann, si formano più ascessi profondi e superficiali sul cuoio capelluto e quindi cicatrici ruvide, a volte cheloidi. Per il trattamento vengono utilizzati antibiotici ad ampio spettro, angioprotettori, immunomodulatori.

La seborrea è una violazione della secrezione sebacea della pelle a causa di uno squilibrio negli organi interni. I primi segni della malattia possono comparire nella prima infanzia sotto forma di dermatite seborroica (diatesi), ma il più delle volte compaiono durante la pubertà con ipersecrezione delle ghiandole sebacee sullo sfondo dei cambiamenti ormonali correlati all'età nel corpo. Un ruolo significativo nella comparsa della seborrea è giocato da fattori genetici, cambiamenti patologici nell'attività delle ghiandole sebacee e microflora trovati nella loro bocca. Questi cambiamenti si manifestano con la forfora. La forfora può essere considerata un peeling quasi fisiologico del cuoio capelluto, associato ad un aumento del cuoio capelluto grasso. La dipendenza della malattia dall'età e la sconfitta principalmente dei maschi indica il valore del fattore androgeno. Tuttavia, la causa può essere la patologia del tratto gastrointestinale (gastrite, disbiosi, discinesia biliare), disturbi endocrini, stress, depressione prolungata. Inoltre, viene discusso il ruolo dei microrganismi del lievito Pityrosporum ovale trovati sul cuoio capelluto delle persone colpite dalla forfora. Alcuni autori sottolineano l'efficacia del trattamento antifungino, che conferma l'ipotesi dell'origine infettiva della forfora..

Per il trattamento della seborrea, vengono utilizzati preparati rinforzanti generali, stimolanti biogenici, vitamina A (o beta-carotene), vitamine del gruppo B (in particolare B1, B2, B6), D, E, acido ascorbico e nicotinico, biotina, glicerofosfato, zolfo, calcio, rame., ferro, ossido di zinco. Dei metodi fisici, vengono utilizzati la darsonvalutazione e il criomassaggio della pelle del cuoio capelluto, l'induttotermia della regione surrenale, la puntura laser..

Un adeguato trattamento esterno è molto importante. Se ci sono poche squame di forfora o appaiono di rado, vengono utilizzati shampoo cosmetici con forfora. Il trattamento degli shampoo antiseborroici può contenere componenti antifungini (ketoconazolo), zinco (per il trattamento della dermatite seborroica) o catrame (per il trattamento della seborrea oleosa).

Betametasone + Acido salicilico - Belosalik (nome commerciale)

Malattie dei capelli

CONSULTAZIONE GRATUITA: aiuteremo i medici e i proprietari delle cliniche a scegliere le attrezzature per il trattamento delle malattie dei capelli

Malattie dei capelli - patologie dei follicoli e / o dei bastoncelli, che portano a una violazione della loro crescita, struttura, funzione.

Nella nostra azienda è possibile acquistare le seguenti attrezzature per la diagnosi delle malattie dei capelli:

Le malattie dei capelli più comuni sono:

  • Dermatite seborroica e forfora
  • Alopecia androgenetica
  • Alopecia areata
  • Alopecia cicatriziale

Dermatite seborroica e forfora

Malattia papulosquamous associata a infiammazione delle aree cutanee ricche di ghiandole sebacee. Quando si verifica sulla testa in una forma lieve, si chiama forfora. La prevalenza della dermatite seborroica nel mondo è del 3-5%, la forfora è più comune - fino al 15-20%.

Patogenesi della dermatite seborroica

La patogenesi della dermatite seborroica è complessa e almeno parzialmente associata ai funghi più comuni del corpo umano - Malassezia. Vivono sia sulla superficie dello strato corneo dell'epidermide, sia al suo interno, nonché nell'area dell'imbuto per capelli: l'approfondimento della pelle, dove la radice del capello passa nel fusto. Sulla superficie della pelle, i funghi interagiscono principalmente con i corneociti morti, e nell'area dell'imbuto per capelli, influenzano anche i cheratinociti vivi, poiché la funzione di barriera è ridotta qui. Ma soprattutto, Malassezia è "interessata" al sebo, i componenti di cui questo fungo mangia..

Sotto l'influenza dell'ambiente e del microbioma cutaneo, i trigliceridi e gli esteri del sebo si scompongono in di- e monogliceridi, glicerina e acidi grassi - questi ultimi sono saturi e insaturi. A causa della mancanza di desaturasi, Malassezia è in grado di metabolizzare solo acidi grassi saturi. Di conseguenza, molto rimane sulla pelle nonacidi grassi saturi che, con una certa suscettibilità della barriera epidermica, iniziano a distruggerla. Il difetto genetico responsabile di ciò resta da vedere..

Gli studi suggeriscono che i pazienti con dermatite seborroica e forfora hanno una maggiore permeabilità della barriera cutanea, che è esacerbata dagli acidi grassi insaturi - in particolare oleico. Di conseguenza, vengono scatenate l'infiammazione cronica e l'esfoliazione attiva dei corneociti, che si manifestano con i sintomi tipici della dermatite seborroica e della forfora.

È interessante notare che il numero di Malassezia nei pazienti e nelle persone sane è approssimativamente lo stesso: lo stato della difesa epidermica e dell'immunità innata è di fondamentale importanza.

Clinica per dermatite seborroica

Le manifestazioni di dermatite seborroica sul cuoio capelluto vanno da un leggero rivestimento biancastro a croste spesse estese. Dal cuoio capelluto, possono passare alla fronte, al dorso del collo e del padiglione auricolare e dietro l'orecchio (Fig. 1). A volte la dermatite seborroica si diffonde al torace, alla regione interscapolare, ascellare o inguinale.

Nei casi più gravi, i siti di lesione sono scaglie sullo sfondo di un fuoco infiammato rosso. Con infezione secondaria si sviluppa dermatite eczematoide con pianto e croste. Nelle persone con fototipi di pelle scura (V - VI), può verificarsi ipopigmentazione focale.

Figura. 1. Dermatite seborroica sul padiglione auricolare (servizio nazionale danese su dermatato-venereologia)

Tricoscopia della dermatite seborroica

  • linee rosse
  • Puntini gialli e marroni
  • Capelli nascosti
  • Piatto bianco perifollicolare
  • Anelli rossi contorti
  • Navi cricoidi
  • Favi pigmentati
  • Navi rosse atipiche
  • Iperpigmentazione perifollicolare
  • Navi glomerulari
  • Aree rosse senza struttura
  • Navi sotto forma di virgole (Fig. 2).

Figura. 2. Segno tricoscopico di dermatite seborroica - vasi sotto forma di virgole (Kibar M., et al. Risultati dermatoscopici nella psoriasi del cuoio capelluto e dermatite seborroica; due nuovi segni; nave con anello con sigillo e capelli nascosti. Indian J Dermatol 2015; 60 (1): 41 -45)

Alopecia androgenetica

Una malattia geneticamente causata in cui i capelli vengono gradualmente trasformati da folti terminali a intermedi e poi a sottili pergamene, seguiti da calvizie. Il vellus è un pelo piccolo, leggermente pigmentato con un diametro inferiore a 30 micron e una lunghezza inferiore a 2 cm, il bulbo si trova a livello dello strato reticolare del derma e il nucleo è privo di materia cerebrale e muscolo che solleva i capelli. Norma Wellus è considerata fino al 20% incluso.

L'alopecia androgenetica (AHA) colpisce circa il 50% degli uomini dopo 40 anni. Fino al 13% delle donne in premenopausa presenta alcuni segni di ipertensione arteriosa, mentre l'incidenza della malattia dopo 65 anni è in aumento - secondo alcuni rapporti, il 75% delle donne ha ipertensione arteriosa a questa età.

Patogenesi dell'alopecia androgenetica

Uno dei meccanismi di base dell'AHA è l'effetto dell'enzima 5-alfa reduttasi, presente nelle cellule del bulbo pilifero e della papilla, sul testosterone. Questo ormone sessuale si trasforma nel 5-alfa-diidrotestosterone più attivo, che penetra nella cellula e forma un complesso attivato con la proteina citoplasmatica. Dopo aver interagito con un accettore nucleare, il complesso passa nel nucleo cellulare, dove interrompe la sintesi proteica - di conseguenza, la dimensione dei follicoli diminuisce e i capelli si trasformano da terminali a vellus.

Un altro meccanismo di AHA appare nelle donne. L'enzima aromatasi trasforma il testosterone in estradiolo e il diidrotestosterone in estrone. Questi ormoni estrogenici hanno un effetto modulante sugli androgeni, con conseguente sviluppo di alopecia androgenetica di tipo femminile.

Questi sono tutt'altro che tutti i meccanismi di AHA: gli scienziati sono costantemente alla ricerca di nuovi legami nella patogenesi, a seguito dei quali il quadro generale sta diventando più complicato.

Clinica di alopecia androgenetica

I principali sintomi di AHA:

  • Insorgenza graduale della malattia
  • Perdita di capelli migliorata (Fig. 3)
  • Trasformazione dei peli da un terminale spesso pigmentato a un più sottile non deterministico e successivamente a peli sottili e sottili di vellus senza pigmento.
  • Di conseguenza, appaiono focolai di completa calvizie.

Negli uomini, i capelli nelle aree temporali si stanno gradualmente assottigliando, il che porta a un cambiamento nella linea della loro crescita. Spesso è interessata l'attaccatura dei capelli sulla fronte..

Nelle donne, il diradamento dei capelli potrebbe non portare alla completa calvizie, ma se si verifica, di solito alla corona. Allo stesso tempo, le linee di crescita frontale e temporale nelle donne non sono quasi mai interessate.

Figura. 3. Il grado di perdita dei capelli (è indicato il numero di capelli al giorno): 1–4 - normale, caratteristico delle donne con i capelli lunghi; 5–6 - rinforzato, che porta all'alopecia (Sinclair R., et al. Alopecia androgenetica: nuove intuizioni sulla patogenesi e sul meccanismo della caduta dei capelli. F1000Res 2015; 4 (F1000 Faculty Rev): 585)

Tricoscopia dell'alopecia androgenetica

  • Un aumento del numero di peli di vello oltre il 20% è il principale segno diagnostico di AHA.
  • L'anisotrichosi è un'eterogeneità del diametro dei capelli, che si verifica a causa del fatto che il processo della loro miniaturizzazione non va simultaneamente.
  • Puntini gialli: la bocca dei follicoli piliferi vuoti riempiti di secrezioni sebacee, che si formano a causa dell'aumentato periodo di latenza dei capelli.
  • Puntini bianchi - sono un riflesso della fibrosi dei follicoli piliferi.
  • Un aumento del numero di singole unità follicolari - osservato con una diminuzione del numero di follicoli piliferi attivi.
  • Alone bruno - si verifica a causa della microinfiammazione nel follicolo. Tali pazienti hanno meno probabilità di rispondere alla terapia..
  • Diminuzione della densità dei capelli - può essere sia locale che diffuso (Fig. 4).

Figura. 4. Riduzione della densità dei capelli in alopecia androgenetica (Sinclair R., et al. Alopecia androgenetica: nuove intuizioni sulla patogenesi e sul meccanismo della caduta dei capelli. F1000Res 2015; 4 (F1000 Faculty Rev): 585)

Alopecia areata

Malattia autoimmune, manifestata da perdita di capelli non cicatrizzante. È una patologia diffusa: fino al 3,8% di tutti i pazienti dermatologi soffrono di alopecia focale. Circa il 20% dei pazienti sono bambini e nel 60% della malattia si manifesta prima dei 20 anni.

Patogenesi dell'alopecia focale

L'esatta patogenesi dell'alopecia focale non è nota. L'ipotesi più popolare suggerisce che questa è una condizione autoimmune associata a una risposta immunitaria delle cellule T in persone geneticamente predisposte..

Clinica di alopecia focale

L'alopecia focale è generalmente asintomatica, ma alcuni pazienti avvertono bruciore o prurito nell'area interessata. Circa l'80% dei pazienti ha 1 sito di calvizie, 12,5% - 2 siti, 7,7% - 3 o più siti. L'alopecia focale colpisce più spesso il cuoio capelluto - 70-95% dei casi, meno spesso una barba - 28%, sopracciglia - 3,8% e arti - 1,3%.

Forma localizzata (alopecia areata): meno del 50% dei capelli cade, le aree interessate sono limitate, nella maggior parte dei pazienti i capelli crescono spontaneamente per diversi mesi (Fig. 5).

Una forma comune (alopecia totale / universale): oltre il 50% dei capelli cade, questa opzione è meno comune (in media nel 7% dei pazienti). Nel 30% dei pazienti con alopecia totale, la completa caduta dei capelli avviene entro 6 mesi dall'esordio della malattia.

Figura. 5. Alopecia focale (servizio nazionale danese di dermatologia-venereologia)

Tricoscopia dell'alopecia focale

  • Capelli corti di pergamena
  • Puntini gialli
  • Puntini neri (Fig.6)
  • Capelli lisci
  • Capelli ricci
  • Punto esclamativo capelli

Figura. 6. Segni tricoscopici di alopecia focale: punti neri (freccia blu) e capelli arricciati (freccia rossa) (Jha A.K., et al. Dermoscopia di alopecia areata - un'analisi retrospettiva. Dermatol Pract Concept 2017; 7 (2): 53–57)

Alopecia cicatriziale

Rappresentano la perdita della bocca dei follicoli piliferi con la loro sostituzione con tessuto fibroso e perdita di capelli insostituibile. L'alopecia cicatriziale si verifica sullo sfondo di infezioni virali o batteriche (lupus eritematoso sistemico, lesioni cutanee pustolose e fungine), nonché dopo lesioni fisiche, ustioni termiche o chimiche. La prevalenza nel mondo è di circa il 7%.

Classificazione dell'alopecia cicatriziale

  1. Associato al lichen planus follicolare:
  • L'alopecia fibrotica frontale è una variante clinica comune del lichen planus follicolare, che si sviluppa nelle donne in postmenopausa.
  • Alopecia fibrosa con distribuzione di modelli - ha somiglianze istologiche e cliniche con alopecia androgenetica.
  • Sindrome di Graham-Little - dermatosi polimorfica con cheratosi follicolare-atrofica di eziologia sconosciuta.
  1. L'alopecia cicatriziale centrale centrifuga è una vasta categoria di alopecia adottata dalla North American Society for the Study of Hair. Di per sé, non è un'opzione clinica, ma include alcune pseudopelads, alopecia da trazione, ecc.:
  • La pseudopelata di Brock è calvizie circolare nelle donne dopo i 40 anni.
  • Alopecia da trazione - si sviluppa con effetti meccanici prolungati sui capelli. Più spesso osservato nella popolazione afroamericana a causa dell'acconciatura in trecce strette: fino al 17% delle ragazze di età compresa tra 6 e 21 anni e fino al 32% delle donne anziane soffrono di questa patologia. L'alopecia da trazione è caratteristica degli atleti che tirano i capelli in una crocchia stretta in allenamento e ballerini professionisti.
  1. Alopecia mucinosa - si verifica sullo sfondo della micosi fungina.
  2. Alopecia dopo chemioterapia - si sviluppa dopo diversi cicli di farmaci citostatici.
  3. Cheratosi follicolare atrofica - include una serie di manifestazioni cliniche che portano alla perdita di capelli cicatriziale.
  4. Alopecia cicatriziale sistemica secondaria - si verificano sullo sfondo di malattie sistemiche del corpo: sclerodermia, lupus eritematoso discoide, ecc..

Patogenesi dell'alopecia cicatriziale

L'alopecia cicatriziale primaria si sviluppa a causa di un processo infiammatorio cronico nell'area del follicolo pilifero. Un aspetto importante della patogenesi è la posizione dell'infiltrato nella metà superiore del follicolo - l'area delle ghiandole sebacee, sotto la quale sono raggruppate le cellule staminali multipotenti della zona di rigonfiamento (tubercolo). Poiché le ghiandole sebacee e il rigonfiamento sono le strutture chiave che determinano la crescita e la rigenerazione dei capelli, la loro perdita porta alla sua morte. La riduzione delle ghiandole sebacee è anche un primo segno istologico della malattia..

La patogenesi dell'alopecia cicatriziale secondaria è associata a malattie sistemiche del corpo - ad esempio sclerodermia.

Clinica di alopecia cicatriziale

  1. Associato al lichen planus follicolare - i sintomi comuni includono prurito, bruciore e dolore. Il 30% dei pazienti sviluppa alopecia androgenetica.
  2. Alopecia cicatriziale centrifuga centrale - osservata lenta perdita di capelli asintomatica.
  3. Alopecia mucinosa - i pazienti riportano disidrosi (sintomi simili all'eczema con vescicole trasparenti nell'epidermide) e disestesia (cambiamenti di sensibilità).
  4. Alopecia dopo chemioterapia - accompagnata da una sensazione di formicolio del cuoio capelluto. L'effetto citotossico sui follicoli piliferi porta a una caduta temporanea dei capelli, di solito dopo 4 settimane di trattamento (Fig. 7). I nuovi capelli crescono dopo l'inizio di anagen, ad es. dopo una media di 6 mesi, previo completamento della chemioterapia.
  5. Cheratosi follicolare atrofica - i pazienti con acne cheloide di solito lamentano prurito, bruciore e sensibilizzazione della pelle.
  6. Alopecia cicatriziale sistemica secondaria - prurito, bruciore, dolore del cuoio capelluto.

Figura. 7. Alopecia dopo chemioterapia (servizio nazionale danese di dermatologia-venereologia)

Tricoscopia dell'alopecia cicatriziale

  • Grandi navi ramificate
  • Anse vascolari allungate
  • Placca perifollicolare (Fig.8)
  • Punta aureola con aureola bianca
  • Zone biancastre e rossastre con un minimo di estuari follicolari
  • Pigmentazione marrone macchiata (Fig. 9)
  • Zone giallastre senza cornice
  • Puntini bianchi
  • Punti neri
  • Puntini gialli sporgenti con capelli distrofici all'interno

Figura. 8. Segni tricoscopici di alopecia cicatriziale con lichen planus follicolare: a - placca periferica, b - anse vascolari allungate, c - classici punti bianchi con tendenza a formare aree fibrosate (Rakowska. A., et al. Tricoscopia dell'alopecia cicatriziale. J Drugs Dermatol 2012; 11: 753–758)

Figura. 9. Segni tricoscopici di alopecia cicatriziale con lupus eritematoso discoide: a - vasi ramificati spessi, b - grandi punti gialli, c - pigmentazione marrone macchiata (Rakowska. A., et al. Tricoscopia di alopecia cicatriziale. J Drugs Dermatol 2012; 11: 753 -758)

Imaging diagnostico delle malattie dei capelli

Come si può vedere dalla descrizione delle malattie dei capelli, i segni valutati visivamente sono di grande importanza nella loro diagnosi differenziale. La tricoscopia è una direzione giovane separata nella dermatoscopia, che combina i metodi di esame del cuoio capelluto usando un dermatoscopio.

Oggi, tra le malattie dei capelli, ci sono circa 200 nosologie e per il trattamento corretto nella maggior parte dei casi è necessario un esame tricoscopico. Il metodo più moderno e conveniente è la tricoscopia digitale, uno studio che utilizza un dermatoscopio, che scatta fotografie digitali, le elabora e le memorizza. Di solito, viene utilizzato un aumento di 60 o 70 volte per questo, che è molto più grande di un dermatoscopio convenzionale. Questo è molto importante perché con la tricoscopia, è necessario visualizzare le condizioni di piccoli vasi, bacchette e follicoli.

Il leader riconosciuto nella dermatoscopia digitale è la società tedesca FotoFinder, che produce una serie di sistemi software e hardware, anche per la diagnosi delle malattie dei capelli e del cuoio capelluto. Oggi, tutti i principali tricologi del mondo utilizzano le soluzioni FotoFinder e la maggior parte dei libri di testo e atlanti sulla tricologia sono creati su fotocamere digitali FotoFinder.

Un altro metodo di ricerca in tricologia è la tricografia. Consiste in una valutazione quantitativa della condizione dei capelli: conteggio del numero e della densità dei capelli, del numero di follicoli, della proporzione di capelli sottili, medi e spessi e di altri segni importanti principalmente per valutare l'efficacia del trattamento.

Uno standard moderno è un fototricogramma, durante il quale le foto digitali scattate con un dermatoscopio vengono salvate e analizzate. Questa tecnica non può ancora essere completamente automatizzata: il calcolo viene eseguito manualmente, il che non è molto conveniente e richiede molto tempo. Fortunatamente, esistono già servizi di analisi remota per istruire i professionisti del conteggio di routine. Non solo determineranno tutti i parametri del fototricogramma, ma produrranno anche una diagnosi presuntiva. Un esempio lampante di tale servizio è tricholab.com - una divisione di FotoFinder, che riunisce esperti di livello mondiale nel campo della tricologia.

Nella diagnosi di una serie di malattie dei capelli, un segno importante è la valutazione della quantità (densità) di capelli nella fase anagen. Oggi, ciò può essere fatto utilizzando l'analisi del computer utilizzando i prodotti software FotoFinder. Ciò richiede una preparazione preliminare del paziente: un piccolo settore viene rasato sulla pelle, dopo 48 ore i capelli in crescita vengono tinti, una foto viene scattata e analizzata su un programma speciale. Il pelo nell'anagen ha il tempo di crescere in 48 ore ed è molto diverso in lunghezza dagli altri peli. Il programma è in grado di riconoscere e contare i capelli anagen, fornendo rapidamente al medico le informazioni più accurate.